• cosa-e-wellness

      Cos’è il benessere

      Cosa significa benessere nella nostra società? È una domanda complicata che otteniamo  con argomenti fondati dall’ OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità la quale ci spiega che l’adattamento a situazioni costruttive, conflitti interni e da situazioni causate dalla società la quale influisce psicologicamente di reagire tramite il nostro stato d’animo psicologico, lo stato fisico affrontando difficoltà sul lato affettivo e quello del lavoro.


      I disagi che derivano dalla vita quotidiana come lo stress influiscono sul nostro benessere. Dipende da noi stessi inserire nella nostra vita quotidiana soddisfazione su relazioni sociali, sul lavoro o affettive e cosi esprimerci con un lato positivo sul nostro modo di vivere.  Pensieri e azioni positivi portano nella nostra vita quotidiana benefici verso gli altri e noi stessi creando cosi situazioni per affrontare i problemi da risolvere.


      Siamo consapevoli che il benessere è uno stato psicologico che influisce positivamente su mente e corpo modificando e generando in noi uno stato neuroendocrino influendo cosi anche sulle nostre emozioni e sul sistema neurovegetativo. Stare bene con noi e con altre persone dipende dal nostro stato psico-fisico che sono legati alla nostra interiorità, con il nostre emozioni e equilibrio mentale abbiamo la capacità di influire sul nostro stress e cosi di equilibrare il nostro stile di vita positivamente. Il benessere di ogni uno di noi e paragonabile ad un progetto fisico e mentale continuativo e temporaneo.


      l’Organizzazione Mondiale della Sanità spiega che Il  benessere è basato solo su ogni individuo individuale il quale riesce ad adattarsi nella nostra società costruendo e generando situazioni positive da conflitti causati al di fuori attivando cosi dalle nostre risorse fisiche e psicologiche, affrontando con efficacia le situazioni negative.


      La parola inglese “wellness” si potrebbe tradurre come “benessere” o anche “salute”. Se quest’ultima parola fino agli anni Sessanta designava “l’assenza di malattie”, ora questa parola ha assunto di più il significato di “stare bene con sé stessi”, sia nel corpo che nell’anima. Mentre la medicina e la cosmetica occidentali hanno per secoli “scisso” questi due concetti, nella medicina orientale essi sono un tutt’uno.


      Su questo caposaldo si basano la medicina indiana, cinese, giapponese, ecc. Da esse infatti si sono originati trattamenti benessere molto popolari anche in Occidente, come ad esempio lo yoga, i massaggi ayurvedici, il massaggio Tui Na, il Reiki, ecc. La popolarità di essi deriva anche dal fatto che l’India e la sua antica filosofia “invasero” l’Occidente negli anni Sessanta, ai tempi del movimento hippy, grazie anche a vari VIP che divennero seguaci di vari guru indiani; un esempio furono i Beatles.


      Fu proprio a quell’epoca che parole come “ashram”, “meditazione”, ayurveda” e “guru” entrarono nell’uso comune! Anche l’Occidente vanta una lunghissima tradizione di cura del corpo, ritornata di moda negli ultimi dieci anni grazie alla domanda crescente di “tempo per sé stessi”, a causa di un modo di vita sempre più frenetico.