• agnocasto

      Agnocasto

      L’agnocasto è ricavato dal frutto maturo di un albero delle Verbenacee, che bilancia gli ormoni; essa è utile specialmente in menopausa e riduce i sintomi della sindrome premestruale e ha anche un’azione emmenagoga. L’agnocasto può essere assunto in capsule, tintura madre, pastigle; andrebbe preso appena svegli. Non andrebbe assunto in caso di gravidanza o uso della pillola contraccettiva.


      L’agnocasto ha anche un’azione inibente sulla libido, tanto che i monaci medievali utilizzavano la tintura di bacche fresche per sopportare meglio il voto di castità; questa pianta si vede ancora nei giardini dei chiostri. Gli estratti di agnocasto vengono anche utilizzati per normalizzare il ciclo mestruale e l’ovulazione dopo un prolungato periodo di assunzione della pillola contraccettiva; essi sono anche utilizzati per stimolare la produzione di latte nelle puerpere e aumenta anche la fertilità delle donne, se esse si trovano ancora in età fertile.Esso cura anche: l’ansia, la depressione, l’amenorrea, la dismenorrea, gli sbalzi d’umore, l’iperfollicolismo. Esso ha anche un’azione sedativa a livello generale, curando la tachicardia, l’insonnia, le somatizzazioni emotive a livello dell’apparato uro-genitale. Esso stimola in maniera naturale la produzione di melatonina nel cervello.