• lavendel

      Lavanda

      La lavanda è una pianta tipica della macchia mediterranea e simbolo della Provenza, famosa per il suo profumo. Forse qualcuno si ricorderà i sacchettini di lavanda per profumare la biancheria. Oltre a dare un profumo di fresco e pulito, la lavanda aiuta a conciliare il sonno. Da essa si estrae un olio essenziale molto versatile, per non dire il più versatile di tutti! Il miele di lavanda è cristallizzato molto fine, chiaro, aromatico e ambrato, che ricorda il torrone e il tabacco dolce da pipa.

      Viene utilizzato per curare i problemi respiratori, le punture d’insetto, l’insonnia, le vertigini, l’ipertensione, nevrastenia e il mal di testa. Esso è infatti analgesico, antispasmodico e distensivo e cura anche le corde vocali; accompagna  il formaggio Montasio, il pecorino sardo e quello siciliano. La lavanda viene utilizzata per aromatizzare vino, gelatine, le punture d’insetto, l’insonnia. Esso è infatti analgesico e distensivo.


      La lavanda viene anche utilizzata per aromatizzare vino, gelatine, dolci e aceto. Nel Medioevo si credeva che portasse prosperità e fecondità; dal punto di vista astrologico è collegata ai Gemelli. Nel linguaggio dei fiori, la lavanda ha due significati: “diffidenza” e “il tuo ricordo è la mia unica gioia”. Oltre che sotto forma di olio essenziale, la lavanda si trova sotto forma di acqua, essenza e infuso. Altre proprietà della lavanda sono: carminativa, espettorante, balsamica, digestiva, anti-reumatica, anti-infiammatoria, anti-settica, cicatrizzante.