• fiori-di-bach-gorse

      Fiori di Bach Gorse

      Il fiore di Bach “Gorse” corrisponde al ginestrone, al segno dello Scorpione, al pianeta Marte, al colore giallo tenue; il personaggio famoso corrispondente a Gorse è il “Taglialegna di latta” del “Mago di Oz”, che “aveva perso il cuore”.
      Questo fiore fa parte dei “7aiuti” e la sua frase preferita è “Ci provo ancora, anche se è inutile”. Questo fiore è spesso “accompagnato” da “Agrimony” o “Mimulus”.

    • gorse

      Gorse

      Le persone Gorse hanno subito un grande dolore o sono state gravemente ammalate di una malattia cronica e invalidante, non sanno più amare la vita, si rifugiano nei sogni e non hanno più energia.


      I “Gorse” si riconoscono dalla carnagione pallida o giallognola, rughe profonde sotto agli occhi, ha uno sguardo spento e indifferente, abbigliamento trasandato.



      La persona Gorse è vittima di una grande disperazione dopo una strenua lotta e sente che il proprio caso è disperato, tentando in tutti i modi di “cancellare” il problema, spera in un “miracolo” dall’esterno che forse non arriverà mai. Gorse non crede di avere la forza di guarire; per questo motivo la sua guarigione è lenta e difficoltosa; prova a curarsi solo “per far piacere agli altri”.


      Le persone Gorse hanno una grande rabbia interiore, perché la vita non va come loro vorrebbero, ma ciononostante partecipano ancora alle vicende altrui. Il fiore di Bach Gorse cura i seguenti disturbi: dialisi, ricoverato grave, infarto, malattia cronica che non può guarire (es: cancro in metastasi), nodo in gola, occhiaie, pallore, pianto facile, trattamenti clinici senza risultati, angoscia, mutismo, basse difese immunitarie, pensieri suicidi, depressione, tossicodipendenza con crisi d’astinenza.