• scrub-ai-piedi

      Scrub ai piedi

      Uno scrub ai piedi almeno una volta alla settimana è indispensabile per evitare duroni e callosità. Anche i piedi soffrono per essere stati “rinchiusi” in scarpe e calze tutto l’inverno … quindi uno scrub ai piedi è ottimo per ridare loro la possibilità di “respirare”. Senza contare le virtù deodoranti, ammorbidenti e purificanti degli ingredienti per gli scrub ai piedi … anche “fai-da-te”!


      Il metodo più semplice per lo scrub ai piedi è quello di passare la pietra pomice una volta alla settimana dopo un pediluvio di acqua, sale e bicarbonato, ma non bisogna “grattare” troppo, altrimenti gli eventuali duroni già esistenti si riformano ancora più spessi. Esistono anche tante “ricette” per avere piedi già “adatti” per i sandali! Un esempio di scrub ai piedi è l’utilizzo di una patata lessa e un po’ della sua acqua di cottura mescolata a un cucchiaio di miele e a un pugno di farina di mais, quella che si userebbe per la polenta.


      La patata e il miele sono noti infatti per le loro virtù emollienti e nutritive, mentre la polenta costituisce uno scrub delicatissimo. In estate, è possibile anche preparare uno scrub ai piedi … a base di 10 fragole, due cucchiai di olio d’oliva e un cucchiaio di sale da cucina! L’ultimo grido nelle spa è la “fish pedicure”; i pesci “Garra Rufa”, che “mangiano” le cellule morte dei piedi. Questo metodo è stato importato dal Giappone, dove è anche utilizzato per curare malattie cutanee come la psoriasi.